Resta il fatto che questo non risponde al nostro quesito sul maiale – ché il cinghiale è un suino, ma non un porcello; e comunque sant’Antonio non ce l’aveva certo in simpatia. Showing all 0 items Jump to: Summaries. Era il 356. Che cosa c’entra il maiale con sant’Antonio? Un’aquila La mia torta di Sant’Antonio è un dolce invernale, sostanzioso: ne troviamo diverse versioni ma tutte con le castagne secche. E fu probabilmente così che nell’immaginario popolare nacque “il maiale di sant’Antonio”. Ospedali antoniani spuntano a macchia d’olio in ogni zona d’Europa; alla fine del XIII secolo, i canonici erano presenti addirittura in Etiopia e Tartaria. . A partire dal secolo XIII, dapprima nella valle del Rodano e in Borgogna, poi – gradualmente – in Germania e in Inghilterra, il cinghiale che tormenta sant’Antonio si trasforma in roseo porcello. e perché l'abate eremita ha un bastone con un manico a forma di T? E fu probabilmente così che nell’immaginario popolare nacque “il maiale di sant’Antonio”. ( Chiudi sessione /  La bellezza non salverà il mondo, però la conoscenza libera e diffusa ha una possibilità. (in realtà sotto il nome di fuoco di Sant’Antonio ci si metteva un po’ di tutto…) . S. Antonio Abate morì all’età di 105 anni e il suo corpo venne seppellito in un luogo conosciuto da pochi. Ebbene sì, grazie a un maiale. Se andavi da un villico tedesco e gli parlavi dello scorpione che tormentava sant’Antonio, il povero villico ti fissava con un grosso punto interrogativo in testa e poi ti domandava “ah, perché? San Martino era l’ultimo giorno dell’ex porcellino, che ormai aveva raggiunto o superato il quintale. Come ha avuto luogo questa improbabile metamorfosi? Non è che mi scandalizzi per ragioni di principio, eh, ma lo trovo proprio poco pratico per ragioni logistiche. Sono un imprenditore incompreso. Attorno al 1070, le reliquie di sant’Antonio vengono trasferite dalla tumultuosa Costantinopoli alla valle Rodano, ove l’arcivescovo di Vienne fa erigere un’abbazia deputata a conservare il prezioso cimelio: Saint-Antoine-en-Viennois. In numerose delle città in cui erano insediati, gli Antoniani ottennero addirittura il permesso di lasciar circolare i loro maiali nel mezzo della strada. per Sant’Antonio Abate. Notate che quel giorno fatale per il maiale non coincideva con il giorno della Festa di sant’Antonio, ma con quello di san Martino, che fa rima con il vino. Un voltafaccia pure un po’ inquietante. placet interserere, Gli Antoniti, col grasso del maiale, facevano una pomata che curava l’herpes zoster, meglio noto come fuoco di Sant’Antonio. Era un win-win: grufolando tra i rifiuti, i suini si alimentavano autonomamente e a costo zero; per contro, la municipalità poteva risparmiare sui costi della nettezza urbana affidandosi a questo spazzino a quattro zampe. A meno che non fosse una necessità data da ragioni meterologiche, mi sembra una moda abbastanza bizzarra , Anche qui Ormai legato indissolubilmente a quella malattia che oggi conosciamo appunto come “fuoco di sant’Antonio”, l’abate egiziano comincia ad essere conosciuto come potente taumaturgo, diventando in breve tempo uno dei santi più amati nella valle del Rodano. Come è stato possibile che l’attributo iconografico che fino a poco tempo prima impersonava Satana tentatore (!) "Sant'Antonio, sant'Antonio lu nemico de lu dimonio...", recita la filastrocca di un vecchio canto popolare dedicato al santo celebrato oggi 17 gennaio Sant'Antonio Abate. Maledetta C. Grazie a tutti e due… a Sant’Antonio di Ranverso, molti anni fa, avevo visto volare le rondini, che in città non trovavo più, scacciate da balestrucci e rondoni… chissà se ci sono ancora? Per diffondere la conoscenza, però, è importante citare le fonti (che non sono tutte uguali!) Io in chiesa i maiali ancora non li ho visti…, Beh, maiali in chiesa no, ma nella mia parrocchia è consuetudine portare gli animali domestici sul sagrato per farli benedire. la questione è tuttora controversa ma è probabile che, nell’operare il cambiamento, sia stata decisiva l’influenza dei frati dell’ordine ospedaliero degli Antoniani: qui la storia vera ha contaminato la leggenda. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Twitter. Puoi anche saper poco di questo santo, ma è probabile che tu lo abbia visto in qualche immagine sacra. Be the first to contribute! Se vuoi seguire questo blog, inserisci il tuo indirizzo e-mail per ricevere un messaggio di notifica per ogni nuovo articolo. Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Facebook. Ma Antonio è irremovibile, anzi raduna attorno a sé un certo numero di discepoli che instrada alla vita monastica. Pingback: Accidia: il demone che sussurra “esci da quella casa” – Una penna spuntata, Pingback: Quando la gente cucinava i corpi santi – Una penna spuntata, Pingback: Gli insegnamenti di san Rocco di Montpellier per i cristiani che vivono durante una epidemia – Una penna spuntata. Nell’iconografia è raffigurato circondato da donne procaci (simbolo delle tentazioni) o animali domestici (come il maiale), di cui è popolare protettore. Tutt’al più, abbiamo citato delle belve che, di tanto in tanto, tormentavano l’abate. reor esse non decorum Tra gli altri peccati, confessò anche di aver dato un calcio così forte a sua madre da farla cadere a terra. “L’uomo giusto” che Dio ha in serbo per te: chi è e come riconoscerlo, Non sono incinta ma sento degli strani colpi all’interno della pancia, L'abito da medico della peste? Error: API requests are being delayed for this account. Dopodiché, stabilita la comunità, Antonio sente di dover ritornare alla solitudine, addentrandosi ancor più nel deserto e lì vivendo, da eremita, fino al giorno della sua morte. Normalmente per le vie cittadine si trovavano galline o oche, ma i maiali dovevano essere tenuti nel retro delle case o in alcuni recinti appositi e non vagare per le strade. Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso: Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Come direbbe il computer – Error: Not Found. Ancora oggi, il 17 gennaio c’è una grandissima fiera che si bissa il 31, giorno del nostro patrono san Geminiano. Effettivamente sono stata inesatta. Gli Antoniti, col grasso del maiale, facevano una pomata che curava l’herpes zoster, meglio noto come fuoco di Sant’Antonio. Il legame tra Sant’ Antonio Abate e Pavia. Sant’Antonio abate e il maiale. Sicché, si stabilì che i maiali degli Antoniani fossero contrassegnati da una sorta di collarino che ne rendeva immediato il riconoscimento: ok, lui è un maiale patentato, è autorizzato a stare in mezzo alla strada. Perché in quella particolare notte potrebbero parlare, e sentire un animale che parla non è di buon augurio. Il maiale diventò un privilegio dei Fratelli Ospedalieri di Sant’Antonio fondato nel XVII secolo che per nutrire i malati, lo allevarono, previo il permesso dato dal Papa. Pingback: Letture consigliate per il weekend – VITAINCASA. arroganter agere. Next. “Da pericule, male e lambe, Sant’Antonie ce ne scampe!”. (di Vanessa D’Acquisto) Sant’Antonio la gran friddura, San Lorenzo la gran calura, l’unu e l’autru pocu dura (per Sant’Antonio il grande freddo, per San Lorenzo il grande caldo, ma l’uno e l’altro poco durano). Ma di cosa diamine morivano tutti ‘sti neonati, nel Medioevo? Probabilmente molti di noi, senza neppure essere troppo anziani, si ricorderanno che questi appena trascorsi erano i mesi del maiale. mi pare in tema…, Marchigiana. Studio dipinti, sibille, e dipinti di sibille. E’ invocato contro tutte le malattie della pelle e contro gli incendi. Nato a Coma, nel cuore dell'Egitto, intorno al 250, a vent'anni abbandonò ogni cosa per vivere dapprima in una plaga deserta e poi sulle rive del Mar Rosso, dove condusse vita anacoretica per più di 80 anni: morì, infatti, ultracentenario nel 356. San Francesco va in giro ad ammansire lupi perché il lupo di Gubbio appare davvero nei suoi Fioretti. Le aie delle vecchie case di campagna, magari pure sciarpate dall’umida nebbia, assurgevano per un giorno ad antri misteriosi, dove venivano celebrati oscuri riti. Il Maiale di Sant'Antonio (2006) Plot. Antonio abate è uno dei più illustri eremiti della storia della Chiesa. I cibi della festa di Sant’Antonio sono sin dall’epoca medievale la zuppa di fave cotte, la ciabatta dolce e soprattutto la carne di maiale, saporito ingrediente di piatti come i fagioli con le cotiche. Ed essendo poco plausibile un leone in mezzo al bosco, le belve che tormentano sant’Antonio cominciano ad assumere la forma degli animali selvatici europei: lupi, ad esempio. ne sermone retundamus Io sono cresciuta vicino alla Abbazia di Sant’Antonio di Ranverso, affrescata dal famosissimo (?) Ho dimenticato tutti i dieci meno presi perchè nella ricerca avevo scritto Jacopo Jacquerio invece di Jacopo Jaquerio. ( Chiudi sessione /  Intendevo il sagrato della chiesa. Questa la leggenda, collegata al culto di Sant’Antonio Abate. si sia improvvisamente trasformato in fedele amico e compagno di vita? Per evitare, poi, che qualcuno approfittasse e ne facesse salsicce, i maiali dei frati portavano al collo una campanella, così tutti sapevano che non dovevano toccarli, infatti Sant’Antonio ha sempre una campanella attaccata al suo bastone. Specialmente quelli da cortile. Invece, è bene usare di tanto in tanto nei nostri discorsi qualche facezia ben adatta al contesto, in modo tale da non apparire arroganti agli occhi del popolo con il nostro parlare sempre di cose serie]. It looks like we don't have any Plot Summaries for this title yet. Home / Assaggi / Cibo e arte / Sant’Antonio abate e il maiale. Nato a Coma, nel cuore dell'Egitto, intorno al 250, a vent'anni abbandonò ogni cosa per vivere dapprima in una plaga deserta e poi sulle rive del Mar Rosso, dove condusse vita anacoretica per più di 80 anni: morì, infatti, ultracentenario nel 356. Atanasio, primo biografo di Antonio, ne nomina alcune: leoni, tori, lupi, aspidi, scorpioni. aut exemplo pervertamus Sant’Antonio Abate è conosciuto popolarmente (e senza alcuna intenzione irriverente) anche come Sant’Antonio del maiale. ordinata suis locis, A parte l’unguento contro il fuoco di sant’Antonio, i porcelli degli Antoniani ci hanno donato anche una delle mie leggende preferite: Come sant’Antonio rubò il fuoco (https://mammaoca.com/2019/11/02/come-santantonio-rubo-il-fuoco-leggenda-sarda/). E’ passato troppo tempo da quando ho fatto le elementari. . Il modo classico di preparare questo piatto rustico e sostanzioso prevedeva l’uso di fave di buona qualità, grandi e schiacciate, costolette seccate sotto sale (custiglia) di maiale e, talvolta l’aggiunta di cavolo verza o, meglio ancora, almuraccia (ramolaccio selvatico). Antonio ha una vita abbastanza noiosa: rimasto orfano in giovane età, vende tutti i suoi beni e si ritira a vita eremitica nel deserto egiziano. Il dolce tipico della festa è la ciambella (chisöl) che, secondo la tradizione, come condimento contiene strutto di maiale. il maiale ci racconta dell’attività dei frati che nel Medioevo portano il nome di Sant’Antonio: gli Antoniti (o Antoniani). Jaquerio si scrive senza “c”. Il maiale (halal) di Sant'Antonio. ( Chiudi sessione /  Sant’Antonio Abate è il primo degli abati e uno dei più illustri eremiti della storia della Chiesa. Penso che molti di noi, a un certo punto, se lo saranno chiesti: per quale diamine di ragione sant’Antonio abate se ne va in giro portandosi un maiale appresso? La prima tentazione, con Sant’Antonio, è lasciar perdere. Questo per farvi capire l’importanza che diamo ai maiali e loro santi. Incredibilmente, funzionava per davvero, La vera storia di Balto e di Togo, i cani che salvarono Nome dalla difterite, Follow Una penna spuntata on WordPress.com. Nell’arco dei decenni, si era consolidata per gli Antoniani l’abitudine di allevare maiali in gran quantità, sia a scopo di commercio (il ricavato delle vendite permetteva di sostenere gli ospedali) sia a scopo medico (nei centri gestiti dagli Antoniani si teneva in grande considerazione una dieta ricca di carne animale, considerata particolarmente nutriente e dunque preziosa per gli ammalati). Questa statua (che è recente ovviamente) l’ho trovata nel Satuario della Madonna di Campocavallo a Osimo, mentre andavo a liberare un piccione che ho trovato qualche mese fa. https://www.google.com/amp/s/gazzettadimodena.gelocal.it/modena/foto-e-video/2019/01/17/fotogalleria/centinaia-di-animali-per-la-benedizione-nella-chiesa-di-santa-maria-delle-grazie-1.17663779/amp/. Racconto le loro storie tessute sul territorio. Il Maiale di Sant'Antonio (2006) Plot Keywords. L’algoritmo dice che i culi vanno bene a patto c, Allora, la frase di Warburg è troppo bella per la, Nel libro di caccia di Febo, di cui stiamo parland, così Warburg parla della storia dell’arte “es, Quando il merch te lo fa l’Universo senza che ma, So quasi due settimane che parlo di preraffaelliti, Se William Morris inizia la sua attività di artis, questa è l’unica immagine esistente della sibil, Bruno Toscano scriveva questa frase nel 1986, e l, This error message is only visible to WordPress admins, Serrapetrona- Il bello della ricostruzione, Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale. Così tanti animali, che non si conoscono, in uno spazio ristretto: se per caso due cani decidessero di attaccar briga, sarebbe spiacevole per tutti. Il maiale, durante il Medioevo, veniva allevato dai monaci e pare che il suo grasso curasse l’herpes zoster, conosciuto proprio come il fuoco di Sant’Antonio. questo non valeva però per i preziosi maiali degli Antoniti, che potevano camminare dove volevano. Synopsis. Tecnicamente, il maiale era degli Antoniani, più che del santo abate, ma insomma non andiamo troppo per il sottile. Grazie al cielo non ci sono ancora maiali da appartamento ma quando mio padre era chierichetto e viveva in campagna effettivamente accompagnava il sacerdote a benedire tutti gli animali, stalla per stalla di cascina in cascina… . Giorno 4, 3 giugno Un giovane padovano, di nome Leonardo, andò a confessarsi da Antonio. Via libera a piatti con carne e cotiche di maiale, ma anche tanti dolcetti semplici e saporiti. Perché sant'Antonio - di cui oggi si celebra la ricorrenza - è sempre raffigurato insieme a un maiale? Sui social parlo di arte in modo “colorito”. Vicino alla chiesa che ospitava le sue reliquie, sorge un grande ospedale affidato alle cure di un ordine creato per l’occasione: i Canonici regolari di Sant’Antonio di Vienne. Del bastone abbiamo già parlato: ci ha custodito il fuoco quando lo ha rubato agli inferi per donarlo alla Sardegna, del maiale … E se ci siamo dimenticati qualcosa, diteci ab indoctis videamur Quel che c’è nell’agiografia del nostro amico, peraltro, non è un granché. Qui è ripetutamente tormentato dal demonio, che per farlo desistere le prova tutte: in parte, tenta di sedurlo con lascive apparizioni; in parte, tenta di terrorizzarlo con belve feroci. Tutto in onore di sant'Antonio abate, uno dei più illustri eremiti della storia della Chiesa. New posts will not be retrieved. Si tratto solo di… addomesticare Satana, trasformandolo in un simpatico animale da cortile. Chiaramente, avere qualche maiale che grufola per strada può pure essere ‘na cosa bella che fa colore, ma c’era il rischio che, di punto in bianco, tutti i porcari iniziassero a imitare gli Antoniani, col risultato di trasformare piazza duomo in una giungla urbana. Mi ricordo una ragazza musulmana scandalizzata del fatto che noi cattolici il giorno di S. Antonio portiamo gli animali in chiesa per la benedizione e poi ce li mangiamo! Ora scopro che qualcuno ha tradotto in essere un mio progetto, che inutilmente avevo proposto alla mia famiglia: comprare una cadente cascina al termine del viale e farci un maneggio. Come scrive Michel Pastoreau nel suo Il maiale. Ma queste leggende, da sole, non giustificano la grande attenzione che le popolazioni di tutta Europa dedicano al Santo. Non esistono maiali nella sua agiografia. – Una penna spuntata. Just click the "Edit page" button at the bottom of the page or learn more in the Plot Summary submission guide. – come dicevamo – era considerato, all’epoca, il “peccatore” per eccellenza tra tutti gli animali, I nove comandamenti per il cattolico in cucina, San Claudio, patrono dei fabbricanti di giocattoli, Letture consigliate per il weekend – VITAINCASA, https://www.google.com/amp/s/gazzettadimodena.gelocal.it/modena/foto-e-video/2019/01/17/fotogalleria/centinaia-di-animali-per-la-benedizione-nella-chiesa-di-santa-maria-delle-grazie-1.17663779/amp/, https://mammaoca.com/2019/11/02/come-santantonio-rubo-il-fuoco-leggenda-sarda/, Accidia: il demone che sussurra “esci da quella casa” – Una penna spuntata, Quando la gente cucinava i corpi santi – Una penna spuntata, Gli insegnamenti di san Rocco di Montpellier per i cristiani che vivono durante una epidemia – Una penna spuntata, Io spero di ricordarti sempre, 2020 – Una penna spuntata. . Modifica ), Stai commentando usando il tuo account Google. Da lì all’inserire il maiale nell’iconografia, il passo fu breve, tantopiù che un suino (il demoniaco cinghiale) era già presente nei dintorni di sant’Antonio negli affreschi di molte chiese europee. [Ritengo che sia inopportuno dire scemenze alla presenza dei laici, per non correre il rischio di dar loro un cattivo esempio o di turbare con le nostre parole queste anime semplici. Non c’è. questi erano un ordine ospedaliero, cioè curavano la gente. Può essere arricchita con uvetta, marmellate di vari gusti, cacao o pezzi di cioccolato (io li avrei messi al posto del cacao ma Carlo non ama tanto le torte con il … Ma non è mica così scontato eh, leggevo che ad esempio a Lucca li hanno portati proprio IN chiesa , https://www.lanazione.it/cronaca/lucca-la-benedizione-degli-animali-per-la-prima-volta-in-chiesa-1.4987175, Cara Lucia, so che sei molto indaffarata ma se trovassi il tempo di pubblicare il seguito dell’articolo sul matrimonio mi faresti proprio contenta, Anche qui. Ma quest’ordine ospedaliero aveva – per così dire – una… vocazione accessoria, cioè quella di porcaro. Ha sempre un bastone ad accompagnarlo e un maiale. Ed ecco la ragione per cui l’iconografia sente il bisogno di prendersi qualche libertà. Uso il metodo storico-scientifico (guidato da dubbi esistenziali continui ). Io faccio la mia parte scrivendo qui quello che so, fatene quello che vi pare. Perché è il protettore degli animali, giusto? E il maiale è un elemento chiave nella costruzione folklorica del culto di questo antico monaco cristiano. (Amici romani: la prossima volta che vedrete cinghiali aggirarsi in mezzo ai cumuli di monnezza abbandonati dall’AMA, ringraziate Iddio per la sua divina sapienza e meditate sul fatto che Egli vede e provvede). Tutti animali del deserto, giustamente – o animali che, in ogni caso, era plausibile incontrare nel Nord Africa. Nell’arco di pochi decenni, l’ordine registra una forte espansione. O cinghiali. E in effetti mi son sempre chiesta da dove saltasse fuori questo maiale! Come vedete: di maiali, manco l’ombra. Il maialino di Sant’Antonio Abate Gen 16 di Admin Il vino è un elemento fortemente simbolico per l’Europa cristiana, non solo grazie all’Eucarestia ma anche per la contrapposizione che evoca con il … In conventu laicorum I dolci di Sant’Antonio; Per Sant’Antonio è usanza preparare un pane particolare: su pane ‘e Sant’Antoni, che in alcuni paesi ha le fattezze de Su pane’e saba, un pane fatto con la sapa, un nettare ottenuto dal ficodindia o dal mosto. Be the first to contribute! . Per questi motivi Sant’Antonio, che in realtà visse 7 secoli prima della fondazione dell’ordine degli Antoniti, è considerato il protettore degli animali. Storia di un cugino poco amato. Quando, nel 1090, la zona viene colpita da una epidemia di Herpes Zoster, la popolazione locale, non sapendo più… a quale santo votarsi, pensa bene di chiedere l’intercessione dell’ultimo arrivato. ( Chiudi sessione /  Modena è una di quelle città dove i maiali erano liberi di scorrazzare per tutte le strade. E scopre in tal modo che, a quanto pare, sant’Antonio ci sa fare un sacco, come guaritore! See also. Il problema è che, nel Medio Evo, il cittadino-medio di un qualsiasi Stato europeo aveva ben poca dimestichezza con la fauna maghrebina. It looks like we don't have any Plot Keywords for this title yet. ALESSANDRO BONVICINO DETTO IL MORETTO, Sant’Antonio Abate, 1530-1534, Olio su tela, 297×148 cm., Auro, frazione di Casto (Bs), Santuario della Madonna della Neve.Il quadro mette in relazione il fuoco di Sant’Antonio, che al tempo stesso è malattia, punizione, dominio degli inferi da parte del Bene e quasi un fulmine nelle mani di Giove, con il maiale. Perché facciamo così poca memoria delle epidemie? Verifica dell'e-mail non riuscita. Jacopo Jacquerio (che dava il nome alla nostra scuola e fortuna che era l’unica perchè nessun bambino aveva grande fortuna a dire jacopoiaquerio senza attorcigliarsi la lingua), e nelle infinite ricerche sull’abbazia (unica attrazione del circondario, peraltro quasi abbandonata all’epoca), ci veniva spiegato che i monaci allevavano i maiali perchè col grasso curavano il “fuoco di sant’antonio”… I miei migliori amici abitavano nella cascina adiacente e passavano i pomeriggi a spiegare che a) quella era casa loro e non il convento distrutto da secoli, di cui rimaneva solo il bellissimo muro esterno b) la chiesa era chiusa e non si poteva visitare, c) il cane non morde, abbaia solo. Nel 561 fu però scoperto il suo sepolcro e le reliquie cominciarono un lungo viaggio che le portò fino in Francia, a Motte-Saint-Didier, nell’XI secolo. Just click the "Edit page" button at the bottom of the page or learn more in the Plot Keywords submission guide. Si dice che la notte del 17 gennaio non bisogna andare nella stalla, è meglio rimanere lontano dagli animali. Pauca tamen plena jocis, Ci hanno fatto un agriturismo. perciò tutto quello che c'è qui è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale. L'articolo non è stato pubblicato, controlla gli indirizzi e-mail! https://www.google.com/amp/s/gazzettadimodena.gelocal.it/modena/foto-e-video/2019/01/17/fotogalleria/centinaia-di-animali-per-la-benedizione-nella-chiesa-di-santa-maria-delle-grazie-1.17663779/amp/, …ma chissà da dove spunta questa moda (recente, presumo: prima non l’avevo mai sentito) di portare gli animali IN chiesa. Riprova. Ecco: il cinghiale, in particolar modo, era assai gettonato nei dipinti raffiguranti il santo, anche perché – come dicevamo – era considerato, all’epoca, il “peccatore” per eccellenza tra tutti gli animali. Veneratissimo lungo i secoli, il suo […] Ma l’episodio di Sant’Antonio può considerarsi una resa da parte della Chiesa di fronte al culto del maiale, quando capì che durante il medioevo con le sue carni si potevano sfamare i numerosi monaci dei conventi e i malati che affollavano gli ospedali. 17 gennaio – Sant’Antonio d’Egitto, eremita e abate (250-357). Bistrattato in ogni dove e additato dei peggiori vizi (chi di noi sarebbe felice di sentirsi dire “ma sei un porco!”): fa piacere pensare che – seppur per vie traverse – il porcello abbia finalmente trovato un santo destinato a prenderselo a cuore. Fai clic qui per stampare (Si apre in una nuova finestra), Fai clic qui per inviare l'articolo via mail ad un amico (Si apre in una nuova finestra), Fai clic per condividere su WhatsApp (Si apre in una nuova finestra), Fai clic qui per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra), Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra), Fai clic per condividere su Telegram (Si apre in una nuova finestra), Clicca per condividere su Skype (Si apre in una nuova finestra), Fai clic qui per condividere su Pinterest (Si apre in una nuova finestra), Fai clic qui per condividere su LinkedIn (Si apre in una nuova finestra), Fai clic qui per condividere su Reddit (Si apre in una nuova finestra), Fai clic qui per condividere su Tumblr (Si apre in una nuova finestra), Fai clic qui per condividere su Pocket (Si apre in una nuova finestra). Tecnicamente, il maiale era degli Antoniani, più che del santo abate, ma insomma non andiamo troppo per il sottile. ne, dum semper latinamur, San Giorgio se ne va in giro a infilzare draghi perché, nella sua leggenda, compare effettivamente un drago. Nelle chiese europee, l’eremitaggio di sant’Antonio cambia location, per così dire: il deserto africano si trasforma in un fitto bosco inospitale. . Modifica ), Mandami una notifica per nuovi articoli via e-mail. Sennonché, a un certo punto, succede una cosa strana. (Il tuo indirizzo resterà anonimo e non verrà utilizzato a scopi commerciali). proferre ridicula; Sembrerebbe una domanda uggiosa, invece l’interrogativo è degno di attenzione. La leggenda del fuoco Secondo una leggenda, Sant’Antonio Abate arrivò all’inferno per rubare il fuoco del diavolo e … Ma vi sfido a indicarmi, nella Vita di sant’Antonio, un qualsiasi passo nel quale il monaco simpatizzi coi maiali. il maiale ci racconta dell’attività dei frati che nel Medioevo portano il nome di Sant’Antonio: gli Antoniti (o Antoniani). ANCORA FUOCO… QUELLO DI SANT’ANTONIO! Log in as an administrator and view the Instagram Feed settings page for more details. Il loro focus è sempre quello di partenza: gestire gli ospedali e curare gli ammalati (tutti; non esclusivamente quelli affetti da herpes zoster, come ogni tanto si legge in giro). SANT'ANTONIO. Così recita un proverbio popolare per indicare cosa i contadini dovessero aspettarsi nel giorno di Sant’Antonio Abate. questi erano un ordine ospedaliero, cioè curavano la gente. Sant’Antonio abate è uno dei Santi più celebrati d’Abruzzo, vuoi perché è considerato protettore degli animali domestici e d’allevamento, vuoi perché anticamente il 17 gennaio, è nella tradizione contadina, come l’11 novembre, una data di snodo per le attività agricole. Ci dispiace, il tuo blog non consente di condividere articoli tramite e-mail. E tutto sommato, povero maiale, confesso d’essere felice per lui. A Troina (EN) sant'Antonio abate viene festeggiato con due feste durante l'anno, la festa liturgica che si svolge il 17 gennaio con i "Pagghiara", enormi falò che vengono eretti in tutti i quartieri del paese e dove si allestiscono tavolate con molte leccornie tipiche del paese che vengono … Fa male, uno scorpione?”. Ecco cosa si mangia in Italia per onorare Sant'Antonio Abate. no, sbagliato! mentes sine macula. . Patrono di tutti gli addetti alla lavorazione del maiale, vivo o macellato, Sant’Antonio Abate è anche il patrono di quanti lavorano con il fuoco, come i pompieri ad esempio, perché guariva da quel fuoco metaforico che era appunto l’herpes zoster. Proprio così: diventa un maiale, inizialmente rappresentato come una qualsiasi bestia da fattoria e poi assurto al ruolo di animale da compagnia, amico fedele del santo monaco. Il malefico, infido, verme dentale – Una penna spuntata, Galeno, Ildegarda e la teoria umorale: alla scoperta della Medicina nel Medioevo, Breve storia in cui si narra di come Yersinia Pestis divenne la regina di tutte le malattie – Una penna spuntata, La Frontiera: il baluardo asburgico contro la Morte Nera, Ogni quarantena è di per sé un po’ quaresima, Che fine facevano i neonati abbandonati nella ruota degli esposti? darmius 2010/02/12 18 Vorrei spendere due parole sul dibattito innescato su questo blog (qui e qui) e su altri siti (ad esempio qui) dalla notizia dell’introduzione di linee di prodotti halal nei supermercati. Perché il maiale accompagna Sant’Antonio abate? Gli antoniani, chiamati anche ‘cavalieri del fuoco sacro’, erano un ordine di canonici ospedalieri.Si dedicavano alle cure degli ammalati di ergotismo (il ‘Fuoco di San Antonio’) che cercavano grazia e conforto presso i santuari di Sant’Antonio Abate. Il maiale di Sant’Antonio. L’ iconografia di sant’Antonio abate prevede, ai piedi del monaco, la presenza di un suino, spesso della razza Cinta Senese.